AlaskaStati UnitiViaggi

Come organizzare un viaggio in Alaska 

La bellezza sconvolgente dell’Alaska, la potenza e l’immensità dei suoi vasti paesaggi naturali spingono i visitatori a riconnettersi con sé stessi e con il mondo.

Nello Stato più settentrionale degli Stati Uniti, la cosiddetta “ultima frontiera”, è possibile scoprire ghiacciai giganteschi, vedere orsi grizzly, caribù, alci, orche e balene in libertà, praticare sport d’avventura e, naturalmente, emozionarsi di fronte alla bellezza dell’aurora boreale.

In questo articolo vi spieghiamo come organizzare un viaggio in Alaska e vivere un’avventura “into the Wild”. Prenotate il vostro biglietto aereo e non dimenticate di richiedere per tempo l’ESTA USA.

Quando andare?

Se amate l’avventura e gli sport invernali, il periodo migliore per visitare l’Alaska va da novembre a marzo, quando la maggior parte del territorio è coperta di neve ed è più facile vedere l’aurora boreale.

aurora boreale

Se invece preferite scoprire la fauna selvatica e visitare alcuni degli straordinari parchi naturali dell’Alaska, è meglio programmare la vostra visita per i mesi primaverili o estivi. Questa è anche la stagione in cui è possibile vedere il sole di mezzanotte, un fenomeno molto interessante, poiché in questo periodo dell’anno non fa mai completamente buio. 

Cosa vedere

L’Alaska è una destinazione come nessun’altra e l’elenco delle cose da vedere è infinito. Purtroppo, la maggior parte dei viaggiatori ha a disposizione solo pochi giorni per godersi questa destinazione. Abbiamo quindi raccolto una piccola selezione di tre luoghi che non possono mancare nella vostra lista di cose da vedere in Alaska.

Parco nazionale de Denali

Nei suoi 25.000 chilometri quadrati di natura selvaggia coronati dal Monte Denali, la montagna più alta degli Stati Uniti, scoprirete vaste distese di foreste, tundre e ghiacciai, oltre a numerose specie animali: alci, orsi, caribù, lupi e gli arieti di Dall o bighorn Bianchi, pecore selvatiche native dei territori montuosi nordamericani. È sicuramente un luogo magnifico che potrete scoprire da soli a piedi o in bicicletta.

grizzly

Tuttavia, se lo preferite, è anche possibile partecipare a un tour organizzato in autobus. Se decidete di scoprirlo da soli, non dimenticate di essere ben equipaggiati e di portare con voi cibo e acqua in abbondanza. Ricordate che gli animali sono in completa libertà, quindi fate attenzione a non avvicinarvi troppo. 

Fairbanks

Durante i mesi invernali, la città di Fairbanks è uno dei luoghi migliori per osservare l’aurora boreale.  Ciò è possibile soprattutto in inverno, grazie all’inquinamento luminoso quasi inesistente, alle lunghe ore di buio e al fatto che la città si trova appena sotto l’ovale aurorale, una parte dell’atmosfera terrestre in cui il fenomeno è molto più probabile da vedere.

Parco nazionale dei fiordi di Kenai

Fondato negli anni ’80 per preservare alcune delle più belle zone selvagge dell’Alaska, questo parco è coperto per il 60% da ghiaccio e neve. Qui è possibile visitare l’Harding Icefield, da cui hanno origine quasi 40 ghiacciai che formano i fiordi. Lungo la costa che circonda il parco si possono osservare iceberg, megattere, orche e leoni marini: uno spettacolo mozzafiato. 

Prepara il tuo Viaggio in anticipo

Un viaggio in Alaska non può essere improvvisato. Si tratta di una destinazione avventurosa: è necessario essere ben equipaggiati per le attività che si vogliono svolgere e soprattutto dotarsi di abiti e calzature comode che possano essere stratificate per proteggersi dal freddo. 

Per quanto riguarda l’aspetto puramente amministrativo, assicuratevi di stipulare una buona assicurazione di viaggio e di richiedere per tempo l’ESTA per gli Stati Uniti. Richiedere l’ESTA è facile e veloce. Tuttavia, non tutti possono fare domanda. Per cominciare, dovete essere cittadini di un Paese aderente al Visa Waiver Program (l’Italia lo è) e non potete aver visitato alcuni Paesi negli ultimi anni (Cuba, Iraq o Siria, tra gli altri). Inoltre, il passaporto deve essere valido per tutta la durata del soggiorno negli Stati Uniti.  

Osservatorio Artico © Tutti i diritti riservati

Lascia un commento

5 + 15 =

Vuoi rimanere aggiornato sulle novità dell'Artico?

Entra nella più grande community degli appasionati dell'Artico, unisciti a oltre 2500 iscritti

Grazie per esserti iscritto e benvenuto tra noi!