Ambiente Artico

Tricheco: Chi è? Dove Vive? Cosa Mangia? (+ 5 Curiosità)

Il tricheco è un mammifero marino dotato di baffi e zanne che vive principalmente nel circolo polare artico e trascorre la maggior parte della propria vita sdraiato sul ghiaccio in mezzo a centinaia di esemplari della stessa specie. Questo animale polare è estremamente socievole, ma spesso emette forti suoni, sbuffa e diventa aggressivo durante la stagione degli amori.

Con una pelle rugosa di colore marrone e rosa, i trichechi si distinguono per le loro lunghe zanne bianche, i baffi, una pinna piatta e un corpo molto grasso.

Continua a leggere per scoprire tutto ciò che c’è da sapere su questo affascinante animale artico.

 

 

Chi è il tricheco?

tricheco

 

  • Nome comune: Tricheco
  • Nome scientifico: Odobenus rosmarus
  • Peso: da 400 a 1800 kg
  • Lunghezza: da 2.2 a 3.6 m
  • Tipo: mammifero
  • Dieta: carnivoro
  • Durata media della vita: 20-30 anni (può vivere fino a 40 anni)
  • Popolazione: Coste settentrionali dell’Oceano Atlantico (25.000+ esemplari) e del Pacifico (~200.000 esemplari), Mare di Laptev che fa parte dell’Oceano Artico (~5.000 esemplari)
  • Stato di conservazione: Vulnerabile (IUCN)

 

Caratteristiche

gruppo di trichechi

Il tricheco è un mammifero pinnato, con una pelle color rosa-marroncino coperta da un sottile strato di peli. Le sue caratteristiche distintive più famose sono indubbiamente le lunghe zanne e i curiosi baffi.

 

Zanne

Le zanne, che si trovano sia negli esemplari di sesso maschile che nelle femmine, possono estendersi per oltre un metro e mezzo e sono effettivamente i loro denti canini, che crescono per tutta la vita.

I trichechi utilizzano le loro lunghe zanne per una serie di ragioni, ognuna delle quali rende la propria vita nell’Artico un po’ più semplice. Le usano per:

  • Trascinarsi fuori dalle acque gelide;
  • Bucare le banchise di ghiaccio per poter respirare dal basso;
  • Agganciarsi al ghiaccio in modo da riposare mentre galleggiano senza scivolare nell’acqua;
  • I trichechi maschi per combattere tra loro durante la stagione degli amori, per proteggere le femmine e per marchiare il territorio.

 

Tricheco baffi

Dato che i loro pasti preferiti (in particolare i molluschi) si trovano vicino al fondale oceanico in cui la visibilità non è delle migliori, i trichechi usano i loro baffi estremamente sensibili, chiamati vibrisse, come dispositivi di rilevamento.

 

Altre caratteristiche

Il corpo dei trichechi permette loro di vivere comodamente nella regione artica: i trichechi sono in grado di rallentare i battiti del cuore per resistere alle temperature polari delle acque circostanti.

 

Dove vivono i trichechi?

Esistono 2 popolazioni di trichechi:

  • tricheco del Pacifico (Odobenus rosmarus divergens),
  • tricheco atlantico (Odobenus rosmarus rosmarus).

I trichechi atlantici abitano le aree costiere dal Canada nord-orientale alla Groenlandia, mentre i trichechi del Pacifico abitano i mari settentrionali al largo della Russia e dell’Alaska, migrando stagionalmente nel Mare di Bering, dove si possono trovare sulle banchise di ghiaccio durante l’inverno, verso il Mare di Chukchi.

Le femmine di tricheco del Pacifico danno vita ai propri cuccioli durante la migrazione primaverile a nord.

I trichechi migrano con le banchise in movimento, ma non si avventurano mai lontano dalla costa dato che si nutrono principalmente in in acque poco profonde.

Possono nuotare fino a una profondità di circa 100 m per catturare molluschi e altri invertebrati, ma in media non vanno molto più in profondità di 20-30 m.

 

Cosa mangiano i trichechi?

Nonostante si nutrano di qualsiasi creatura acquatica di piccole dimensioni, il loro cibo preferito è la vongola.

Per trovare le vongole, i trichechi si tuffano nei fondali e le cercano utilizzando i loro lunghi baffi (vibrisse).

Una volta trovata, il tricheco chiude le labbra sul guscio della vongola e ritira rapidamente la lingua nella propria bocca, questa sua azione provoca un vuoto d’aria che gli permette di risucchiare la vongola estraendola dal proprio guscio.

Il tricheco, oltre alle vongole, si nutre anche di foche e persino di narvali intrappolati nel ghiaccio. In genere, possono immergersi ad una profondità di 80-90 metri e rimanere sott’acqua per oltre 30 minuti alla volta.

 

I trichechi sono animali sociali?

I trichechi si radunano spesso insieme su grandi banchise di ghiaccio formando grandi gruppi divisi per sesso.

Questi gruppi possono crescere raggiungendo le centinaia di unità, fino a diventare migliaia durante la stagione degli amori.

Le relazioni diventano meno amichevoli proprio durante la stagione dell’accoppiamento, quando gli esemplari di sesso maschile combattono per conquistare un gruppo di femmine.

Se spaventato, è noto che un tricheco possa schiacciare alcuni membri della sua stessa mandria.

 

Che velocità possono raggiungere i trichechi?

Nonostante il loro peso, i trichechi possono muoversi in modo sorprendentemente rapido sulla terraferma, raggiungendo la velocità di un essere umano in corsa.

Se sulla terra sono piuttosto goffi, mentre nuotano i trichechi diventano aggraziati, effettuando movimenti con tutto il corpo per scivolare sull’acqua.

In media, nuotano a circa 7 km all’ora e possono accelerare fino a raggiungere i 35 km all’ora.

Nell’Atlantico e nel Pacifico, è possibile osservare migliaia di trichechi migrare verso nord per la stagione estiva, quando le acque si aprono da sotto il ghiaccio. I trichechi del Mare di Laptev, invece, sono relativamente stabili e si muovono molto poco.

 

Come si accoppiano i trichechi?

I maschi diventano sessualmente maturi intorno ai 7 anni, ma di solito non sono in grado di combattere con altri maschi fino al raggiungimento dei 15 anni. Le femmine sono sessualmente mature già a 4 anni.

Da gennaio a marzo i maschi combattono per il predominio: i maschi più prominenti nuotano intorno a gruppi di femmine, emettendo dei suoni dal grande sacco d’aria situato sotto la gola.

La gestazione dura oltre un anno (per circa 15 mesi) e il parto avviene durante la migrazione primaverile (da aprile a giugno) dell’anno successivo al concepimento.

I cuccioli possono pesare fino a 75 kg e sono in grado di nuotare già dai primi istanti della propria vita.

Le madri allattano i loro piccoli per oltre un anno e i cuccioli rimangono con la loro madre per un massimo di 5 anni.

 

Quanto a lungo vivono i trichechi?

I trichechi in genere vivono tra i 20 e i 30 anni in natura e possono raggiungere fino a 40 anni.

 

Quanti trichechi ci sono in natura?

Le stime sostengono che la popolazione mondiale di trichechi sia di circa 230.000 esemplari. Questo numero si divide approssimativamente in:

  • Pacifico: 200.000
  • Atlantico (coste nord-orientali del Nord America): 25.000
  • Area del mare di Laptev: 5.000

 

Hanno dei predatori?

A causa delle loro dimensioni e zanne, i trichechi hanno solo due predatori naturali: orche e orsi polari.

Tuttavia, entrambi i predatori preferiscono attaccare prede più facili come le foche.

L’uomo è storicamente il più grande cacciatore di trichechi.

Durante il 1700-1800 la popolazione atlantica di trichechi fu cacciata fino a raggiungere quasi l’estinzione.

 

Quali sono le minacce di questa specie?

tricheco spiaggiato

 

Cambiamento climatico

Nell’ultimo decennio, lo scioglimento del ghiaccio marino durante le estati ha costretto un numero elevato di trichechi del Pacifico a riva sulle coste della Russia e dell’Alaska.

Queste migrazioni di massa (di un massimo di 35.000 individui) possono essere mortali per questa specie, in particolare per i cuccioli che vengono spesso schiacciati e uccisi da esemplari della stessa specie.

 

Impatto industriale

Man mano che il ghiaccio marino si scioglie, le popolazioni di trichechi verranno esposte a sempre più attività industriali, come la navigazione, l’esplorazione e la ricerca di petrolio e gas.

Oltre agli impatti diretti (come le navi rompighiaccio), si è verificato negli ultimi decenni l’aumento del rischio di perdite di petrolio.

Uno studio del WWF ha scoperto che le fuoriuscite di petrolio sul ghiaccio sono praticamente impossibili da pulire.

 

Caccia al tricheco

Un numero limitato di trichechi viene cacciato negli Stati Uniti, in Canada, in Groenlandia e in Russia.

Attualmente la caccia ai trichechi è illegale, tranne per gli indigeni, per i quali rappresenta ancora una grande risorsa di vita.

Le loro zanne, olio, pelle e carne erano così ambiti nel XVIII e XIX secolo che il tricheco fu cacciato fino all’estinzione nel Golfo di San Lorenzo e nelle isole al largo della costa della Nuova Scozia.

Generalmente, il tricheco veniva cacciato per queste ragioni:

  • Carne per l’alimentazione.
  • Le pinne erano considerate una prelibatezza.
  • Zanne e ossa erano usate per strumenti e come capi di abbigliamento.
  • L’olio era una fonte di calore.
  • La pelle dura veniva usata per creare teloni, rivestimenti per barche e trasformata in corda.
  • L’intestino era usato per creare dei parka impermeabili.

 

6 curiosità sul tricheco

  1. I trichechi trascorrono circa 2/3 della loro vita in acqua.
  2. Quando sono sott’acqua, la loro frequenza cardiaca rallenta in modo da farli resistere alla temperatura gelida.
  3. Tricheco significato etimlogico: Odobenus rosmarus, il nome scientifico del tricheco, significa letteralmente “cavalluccio marino che cammina sui denti”.
  4. Il verso di un tricheco può essere udito a 1,5 km di distanza.
  5. Le madri si allontanano dalla mandria di trichechi per dare alla luce i propri cuccioli. Ad oggi ancora non si conosce il motivo, ma è stato suggerito che potrebbero allontanarsi dal forte odore provocato dal gruppo che attira i predatori, o forse per impedire che i propri cuccioli vengano schiacciati.
  6. I trichechi mangiano in media 70 kg di cozze al giorno.

 

Leonardo Parigi
the authorLeonardo Parigi
Sono Laureato in Scienze Politiche Internazionali all’Università di Genova e di Pavia. Sono giornalista pubblicista, e collaboro con testate nazionali sui temi di logistica, trasporti, portualità e politica internazionale.

Lascia un commento

quattordici + 3 =