Ambiente ArticoCanada

Nuova area di conservazione ad Arqvilliit

Fonte: IISAAK OLAM Foundation

Su un'area di 24 isole nel Nunavut canadese

Il Governo federale di Ottawa ha annunciato la creazione di una nuova area di conservazione ad Arqvilliit, vicino alla comunità Nunavik di Inukjuak.

Un passo verso la riconciliazione

Il governo federale canadese afferma che spenderà 1,43 milioni di dollari per sostenere i piani per la creazione di una nuova area di conservazione ad Arqvilliit, nota anche come Isole Ottawa, vicino alla comunità Nunavik di Inukjuak. “La protezione di Arqvilliit è un passo importante verso la riconciliazione con i Nunavik Inuit, sostenendo e rispettando il loro stile di vita, la loro cultura e i mezzi di sussistenza”, ha annunciato Ottawa nel comunicato stampa del 5 novembre scorso.

“Gli Inuit sono stati leader nella tutela dell’ambiente e nella gestione efficace delle risorse da tempo immemorabile”, si legge all’interno del comunicato federale. “Ecco perché il governo del Canada sta lavorando con le comunità Inuit per proteggere la natura e la biodiversità nelle regioni settentrionali del Canada”.

La questione non è soltanto ambientale. La comunità Inuit abita solo in alcune regioni dell’Artico (prevalentemente nel Nunavut canadese, in Groenlandia e sulla punta Nord-orientale della Siberia). Gli inuit sono circa 120.000 e possiedono una profonda cultura legata al territorio.

Economia e territorio

Ottawa decide di investire ulteriormente nel Nunavut, lo sterminato territorio settentrionale che si estende su circa 2 milioni di chilometri quadrati. La creazione della nuova area di conservazione prevede anche la creazione di stabili posti di lavoro per gli abitanti locali, che andranno – secondo il programma di Ottawa – a lavorare per preservare l’ambiente e il territorio delle 24 isole che formano l’arcipelago delle Ottawa Islands (Arqvilliit in lingua Inuktitut).

Il complesso di isole ospita prevalentemente orsi polari, trichechi, uccelli acquatici e foche. “Proteggere l’habitat degli orsi polari è proteggere gli orsi polari per sempre”, ha detto Shaomik Inukpuk, amministratore della città del villaggio settentrionale di Inukjuak e Presidente del comitato direttivo per la creazione dell’area protetta di Arqvilliit.

“Protecting nature helps conserve Canada’s iconic biodiversity and landscapes as well as fights climate change. Our government is proud to support the community of Inukjuak with this ambitious project to conserve the polar bear, a species that is significant to Inuit culture and livelihood. The protection of Arqvilliit is an important step toward reconciliation with Nunavik Inuit and will also help Canada reach its goal to conserve a quarter of lands and a quarter of oceans in Canada by 2025.” Jonathan Wilkinson, Ministro per l’Ambiente e il Cambiamento Climatico

Un investimento di lungo periodo

Il Canada Nature Fund è una parte fondamentale dello storico investimento Nature Legacy di 1,3 miliardi di dollari annunciato nel Bilancio 2018. Il Canada Nature Fund consente a tutti i cittadini canadesi di avere voce in capitolo per quanto riguarda la gestione complessiva dell’ambiente nazionale, e il Governo federale ha assunto numerosi impegni negli ultimi anni per conservare il 25% della terra e delle acque interne, oltre al 25% dei suoi oceani. Obiettivo, il 2025.

Ottawa prevede inoltre la creazione di 27 aree indigene protette. Un obiettivo che ha come duplice intenzione quella di lavorare attivamente sulla conservazione del territorio, ma anche di spingere le comunità locali a un maggior coinvolgimento nello scenario nazionale.

Leonardo Parigi

Osservatorio Artico © Tutti i diritti riservati

Leonardo Parigi
the authorLeonardo Parigi
Sono Laureato in Scienze Politiche Internazionali all’Università di Genova e di Pavia. Sono giornalista pubblicista, e collaboro con testate nazionali sui temi di logistica, trasporti, portualità e politica internazionale.

Lascia un commento

8 + sei =

Vuoi rimanere aggiornato sulle novità dell'Artico?

Entra nella più grande community degli appasionati dell'Artico, unisciti a oltre 2500 iscritti

Grazie per esserti iscritto e benvenuto tra noi!