Affari MilitariFinlandiaSvezia

Sicurezza nel Nord, accordo in Scandinavia

Nordic ministers of defense assemble in Porsangmoen, northern Norway. From left, Antti Kaikkonen, Peter Hultqvist and Frank Bakke-Jensen. (Atle Staalesen / The Independent Barents Observer)

Firma trilaterale per potenziare la cooperazione regionale

Lo scorso 23 settembre i Ministri della Difesa di Finlandia, Norvegia e Svezia si sono incontrati nella base militare di Porsangmoen per firmare un accordo di rafforzamento della cooperazione nordica.

Una catena di Difesa

«Questo è un posto bellissimo con una natura fantastica, e volevo mostrarlo ai miei colleghi nordici», afferma sornione Frank Bakke-Jensen, Ministro della Difesa norvegese. Nella base di Porsangmoen trova spazio la Home Guard Officer Candidate School, ovvero la scuola di addestramento della Guardia Nazionale norvegese, composta da oltre 40.000 effettivi.

Durante il summit, stando a The Barents Observer, “all’interno dell’area si potevano scorgere diversi carri armati e veicoli corazzati, mentre i soldati norvegesi mostravano le loro armi più recenti”. Una dimostrazione di forza, seppur ben diversa dal solito impianto di potenza che siamo più abituati a vedere in altri Paesi. Ma una realtà della forza congiunta che potrebbero esprimere i tre Paesi nordici.

L’accordo sottoscritto dai tre Ministri sottolinea l’importanza cruciale della cooperazione militare e di sicurezza nella regione, sebbene solo la Norvegia – dei tre – sia Stato membro della NATO. Il luogo scelto per la cerimonia non è chiaramente casuale, e probabilmente la bellezza naturalistica non è stata la prima motivazione per sceglierlo. A soli 200 chilometri dalla base, infatti, c’è il confine con la Russia.

Porsangmoen-base

Azioni e intenzioni

Per quanto Norvegia e Finlandia sottolineino sempre l’importanza di ottimi rapporti con l’ingombrante vicino, è chiaro che si stia agendo a livello regionale per potenziare e strutturare la cooperazione in ambito militare. Il documento, intitolato “Statement of Intent on Enhanced Operational Cooperation“, recita:

The Nordic Defence Cooperation vision for 2025 was adopted at the Nordic Defence Ministerial in
Oslo on the 13th of November 2018. The vision states,
“We will improve our defence capability and cooperation in peace, crisis and conflict. We ensure a close Nordic political and military dialogue on security and defence. Acknowledging our different security affiliations, we pursue an agenda based on joint security perspectives, efficient and cost-effective cooperation to strengthen our national defences and the ability to act together.”

Scopo dell’intesa anche l’intenzione dii creare un “Direttivo Politico Trilaterale” con rappresentanti dei Ministeri della Difesa e con la creazione di un gruppo di pianificazione strategica trilaterale.

Actions (not limited to)

  1. Form a trilateral policy steering group with representatives from the Ministries of
    Defence.
  2. Task the military authorities to form a trilateral strategic planning group.
  3. Conduct discussions based on common security concerns in the region.
  4. Discuss relevant national operations plans between Finland, Norway and Sweden in areas
    of common concern and with reciprocity in order to be able to coordinate national
    operations plans.
  5. Conduct exercises and TTDs based on requirements from current planning and plans.
  6. Explore the possibility to coordinate future national operations planning in areas of
    common concern.
  7. Explore the possibility for common operations planning in certain areas.

Cooperazione e sicurezza

Il ministro della Difesa norvegese ritiene che l’accordo faciliterà una maggiore integrazione in Scandinavia. E che questo accordo, del resto, sia solo una prima base di sviluppo per attività congiunte a livello regionale. “Abbiamo riconosciuto che una crisi o un conflitto in futuro difficilmente colpirà un solo paese nordico, colpirà tutti i Paesi nordici, e questo è ciò che ci fa cooperare sempre più da vicino”, dice in un commento al Barents Observer.

arctic warfare
U.S. Navy Photo by Visual Information Specialist Chris Desmond

«Dal punto di vista militare, vediamo chiaramente un aumento della presenza di unità della Russia nella penisola di Kola, una formazione di truppe nella regione artica che comprende la Marina, l’Aeronautica e l’esercito», afferma il ministro svedese Peter Hultqvist.

Leonardo Parigi

Osservatorio Artico © Tutti i diritti riservati

Leonardo Parigi
the authorLeonardo Parigi
Sono Laureato in Scienze Politiche Internazionali all’Università di Genova e di Pavia. Sono giornalista pubblicista, e collaboro con testate nazionali sui temi di logistica, trasporti, portualità e politica internazionale.

Lascia un commento

due × 3 =

Vuoi rimanere aggiornato sulle novità dell'Artico?

Entra nella più grande community degli appasionati dell'Artico, unisciti a oltre 2500 iscritti

Grazie per esserti iscritto e benvenuto tra noi!