Ambiente ArticoClimaItalia

Ghiaccio e terra, prosegue la missione di 3B Meteo in Groenlandia

Ultimi giorni per la missione esplorativa nella più grande isola del mondo per il team di 3B Meteo, tra foto, video e conversazioni con gli abitanti groenlandesi.

In esplorazione per il clima

Oltre dieci giorni di esplorazione per il team di 3B Meteo, che dal 16 Giugno scorso ha iniziato una missione in Groenlandia per vedere da vicino il cambiamento climatico in atto. Il 27 Giugno è arrivata la visita in uno dei villaggi affacciati sui fiordi occidentali della più grande isola del mondo.

Oltre alla convivialità del momento, gli esperti meteorologi hanno potuto “toccare con mano” il cambiamento climatico, visto che i valori medi di questi giorni sono superiori anche di 13-15°!

“Questo ha accelerato in modo sensibile il processo di fusione dei ghiacci, dopo un periodo al contrario caratterizzato da temperature talora sotto le medie del periodo. Il bilancio dell’estensione dei ghiacci rimane comunque negativo e ben inferiore alla media trentennale 1991-2020”, affermano da 3B Meteo.

Il sorvolo del ghiacciaio

 Il team, in volo sul Northern Glacier e l’Eqi Glacier – i ghiacciai che ricoprono le zone poste a nord del fiordo di Ilulissat – ha potuto assistere al panorama unico del ghiacciaio, che durante gli ultimi decenni sta arretrando verso l’interno.

“Ci sono zone del fiordo di Ilullisat che fino a pochi decenni fa erano coperte da una spessa coltre di ghiaccio mentre ora il mare riesce a spingersi all’interno per svariati kilometri. Inoltre, dai 4 fronti dei ghiacciai visti in questa zona le stesse evidenze sono stati persi circa 200 metri di spessore in 25 anni”.

paolo corazzon

Il ghiacciaio Equi è un simbolo del riscaldamento globale: ha un fronte di circa 5 km ed è alto 250 metri, viene denominato anche il “ghiacciaio che collassa o ghiacciaio del parto” perché quasi continuamente perde piccoli o grossi pezzi di ghiaccio nel tratto di mare antistante.

northern glacier
greenland

I segni tangibili del riscaldamento globale sono testimoniati essenzialmente dall’arretramento e assottigliamento del ghiacciaio che sta lasciando scoperte porzioni di territorio ora visibili in prossimità di esso. In alcuni punti infatti la lingua del ghiacciaio non raggiunge più il mare. 

Osservatorio Artico è Media Partner della “Missione Groenlandia” di 3B Meteo.

Osservatorio Artico © Tutti i diritti riservati

Leonardo Parigi
the authorLeonardo Parigi
Sono Laureato in Scienze Politiche Internazionali all’Università di Genova e di Pavia. Sono giornalista pubblicista, e collaboro con testate nazionali sui temi di logistica, trasporti, portualità e politica internazionale.

Lascia un commento

20 − sedici =

Vuoi rimanere aggiornato sulle novità dell'Artico?

Entra nella più grande community degli appasionati dell'Artico, unisciti a oltre 2500 iscritti

Grazie per esserti iscritto e benvenuto tra noi!