CinaTrasporto

Entra in cantiere la nuova rompighiaccio cinese

Il terzo rompighiaccio polare cinese trasporterà sommergibili d’altura, in grado di navigare nelle acque polari dell’Artico e dell’Antartide.

La nuova proiezione della Cina

È iniziata al cantiere navale di Guangzhou la costruzione della nuova nave da ricerca polifunzionale cinese, che dovrebbe essere consegnata entro il 2025. Lunga 103 metri, con un dislocamento di circa 9.200 tonnellate, avrà in dotazione anche alcuni piccoli sottomarini d’altura, sia autonomi sia in grado di ospitare un equipaggio.

Una volta completata, la nave potrebbe aiutare la Cina a diventare il secondo Paese a inviare scienziati sul fondo del mare artico utilizzando sommergibili con equipaggio in acque profonde. Solo i sommergibili russi Mir 1 e Mir 2 hanno raggiunto i fondali marini del Polo Nord.

La Cina, che ha inserito l’Artico anche nel suo ultimo Piano Quinquennale, ha pubblicamente difeso la posizione russa nell’area, in relazione al fatto che la nuova presidenza del Consiglio Artico – ora in mano alla Norvegia – possa non includere Mosca nelle discussioni del forum.

Leonardo Parigi

Osservatorio Artico © Tutti i diritti riservati

Leonardo Parigi
the authorLeonardo Parigi
Sono Laureato in Scienze Politiche Internazionali all’Università di Genova e di Pavia. Sono giornalista pubblicista, e collaboro con testate nazionali sui temi di logistica, trasporti, portualità e politica internazionale.

Lascia un commento

cinque × cinque =

Vuoi rimanere aggiornato sulle novità dell'Artico?

Entra nella più grande community degli appasionati dell'Artico, unisciti a oltre 2500 iscritti

Grazie per esserti iscritto e benvenuto tra noi!