High NorthItaliaScienza

#HN23Daily, Diario di Bordo 20 Luglio

© Osservatorio Artico

Il Diario di Bordo di Giulia Prior, a bordo della nave Alliance per il Programma della Marina Militare “High North“.

Il fiordo delle Svalbard

Location: all’altezza del Fiordo di Kong, Isole Svalbard
Coordinate: 78°50.981’ N; 008°32.924’ E
Meteo: sereno, mare calmo
Puntamento nave

Oggi, mentre il team scientifico era alle prese con misurazioni varie, tra cui l’attività di osservazione del marine litter (cioè i rifiuti di vario genere che sono visibili in mare ad occhio nudo), sono stata a farmi un giro in plancia per capire un po’ come funziona il mondo del governare una nave. 

Una chiacchierata in plancia

Su Nave Alliance la guardia in plancia si alterna in turni di 4 ore per volta, per gestire la nave e condurla a destinazione. 

plancia alliance nave
© Osservatorio Artico

La guardia è composta di solito da 4 persone: 

  • L’Ufficiale di Guardia in Plancia (UGP): il referente della guardia, ha la responsabilità del comando della nave, prende le decisioni e porta avanti la nave. Rappresenta il comandante quando questo non è in plancia.
  • L’Addetto alle Telecomunicazioni (TLC): è la persona che risponde a tutte le chiamate, resta collegato in radio, si occupa dei messaggi e tutta la parte relativa alla comunicazione con il resto dell’equipaggio e delle altre zone della nave (per esempio con il reparto motori)
  • Il Timoniere, che è il nocchiere che timona la nave.
  • Il Brogliaccista: registra tutto nel brogliaccio, per esempio tutti gli ordini dell’UGP, il passaggio delle consegne per la guardia successiva, gli ordini alle macchine e così via. 
  • Sull’Alliance è presente anche Luigino, un troll norvegese che si è imbarcato a Tromsø e è diventato la mascotte della plancia (vedi foto)

Su altre navi di solito è presente anche il radarista, qui questo ruolo viene svolto dall’UGP e dal TLC. Il comandante della nave, avendo anche altri compiti, non rimane sempre in plancia ma quando è presente prende su di sé il comando, e dà lui le indicazioni che tutto il turno di guardia deve seguire. 

mascotte
© Osservatorio Artico

La plancia è la mente, da lì dipende tutto”, mi ha detto l’UGP di guardia questo pomeriggio. Se succede qualcosa è il primo posto dove si valuta quello che è successo, se ci sono avarie o meno, e da cui si coordina la reazione. 

La plancia riceve le direzioni dal team scientifico in base alla pianificazione delle attività da fare giorno per giorno, che viene fatta ogni pomeriggio per la giornata successiva e aggiustata in base alle tempistiche di navigazione e di rilevamento, al meteo e alle condizioni del mare. 

A seconda delle indicazioni ricevute dal team scientifico, la plancia pianifica la rotta, segnando i punti di interesse e la rotta che li collega, e aggiustando la rotta attuale con le nuove coordinate ricevute.

Pillola del giorno: LA VEDETTA

Ruolo ricoperto di solito da giovani militari nelle plance delle navi, hanno il compito di osservare l’esterno e riportare in modo tempestivo eventuali ostacoli che costituiscono un pericolo per la navigazione e che non vengono individuati da altre apparecchiature. Risultano essenziali in fase di manovra di ormeggio e disormeggio. Nel nostro caso le vedette sono le prime ad avvisare il resto della nave in caso di avvistamenti di mammiferi marini artici (ma di questo ne parleremo un’altra volta!)

Giulia Prior

Osservatorio Artico © Tutti i diritti riservati

Giulia Prior
the authorGiulia Prior
Ho conseguito una Laurea Magistrale in Security Intelligence and Strategic Studies presso l'Università di Glasgow dopo una triennale concentrata sul diritto internazionale ed europeo. Mi appassionano tematiche legate ai diritti umani, alla sostenibilità ambientale e alla sicurezza internazionale.

Lascia un commento

9 − quattro =

Vuoi rimanere aggiornato sulle novità dell'Artico?

Entra nella più grande community degli appasionati dell'Artico, unisciti a oltre 2500 iscritti

Grazie per esserti iscritto e benvenuto tra noi!