Affari MilitariPoliticaStati Uniti

L’Artico non è più una zona-cuscinetto

La retorica americana sta alzando la temperatura diplomatica dell'Artico

Oggi (25 giugno 2019 ndr) il Senato americano riprenderà l’esame del National Defense Authorization Act (NDAA) per il 2020. Questo è il disegno di legge che stabilisce il budget annuale per il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, che riceve più della metà di tutti i fondi discrezionali del governo federale ogni anno. La NDAA offre anche un aggiornamento delle minacce percepite dal governo alla sicurezza nazionale.

Confrontando il NDAA di quest’anno con quello dell’anno scorso, l’importanza dell’Artico è aumentata nel radar del Congresso. Mentre quest’anno la NDAA menziona la parola “Artico” 89 volte, nel 2018 era stata pronunciata solo 20 volte, in gran parte in riferimento alla richiesta di una relazione su una strategia artica aggiornata dal Segretario della Difesa. Tale rapporto è finalmente stato pubblicato all’inizio di questo mese, descrivendosi come “ancorato alle priorità della Strategia nazionale di difesa del 2018 (NDS) e focalizzato sulla competizione con Cina e Russia come principale sfida alla sicurezza e prosperità degli Stati Uniti a lungo termine”. Questo dato riflette la crescente percezione all’interno della Beltway che la Cina e la Russia presentino le principali sfide alla superpotenza americana, una minaccia che il rapporto chiama “Great power aggression“.

Il rapporto del Segretario alla Difesa sulla Strategia Artica ha continuato a identificare il problema centrale della Forza congiunta, ovvero “Erodere il vantaggio competitivo contro Cina e Russia”. Questo vantaggio non è solo metaforico. Si sta letteralmente dissolvendo anche nell’Artico. Il NDAA 2020 cita il Generale John Hyten, Comandante del Comando Strategico degli Stati Uniti, che all’inizio di quest’anno, durante la testimonianza al Senato degli Stati Uniti, ha affermato:

“In particolare, l’Artico è un’area su cui dobbiamo concentrarci e guardare davvero agli investimenti. Non è più una zona cuscinetto. Dobbiamo essere in grado di operare lì. Dobbiamo essere in grado di comunicare. Abbiamo bisogno di essere presenti là dove non abbiamo investito nello stesso modo dei nostri avversari. E lo vedono come una nostra vulnerabilità, mentre sta diventando una forza per loro ed è una debolezza per noi, dobbiamo capovolgere questa equazione”.

L’escalation della retorica da parte dei funzionari degli Stati Uniti è impressionante, specialmente se contrastata con quello che il premier sovietico Mikhail Gorbachev ha dichiarato nel suo discorso di Murmansk del 1987, quattro anni prima che l’URSS collassasse:

“Lasciamo che il Nord del globo, l’Artico, diventi una zona di pace”

Agli occhi dei comandanti della difesa degli Stati Uniti, quasi trent’anni di relazioni relativamente pacifiche nell’Artico sembrano dissolversi. Dal loro punto di vista, l’Artico non è più una “zona di pace”. Infatti, nelle parole del Generale Hyten, non è nemmeno una “zona cuscinetto”. È invece un precipizio fatiscente che potrebbe potenzialmente mettere faccia a faccia gli Stati Uniti, la Russia e la Cina.

Questa retorica allarmista non rappresenta una voce solitaria per il generale Hyten. Nella stessa riunione nel febbraio 2019, dove stava consegnando la testimonianza al Senato, il Generale Terrence O’Shaughnessy, comandante del Comando settentrionale degli Stati Uniti, ha affermato:

“Considero l’Artico come la prima linea nella difesa degli Stati Uniti e del Canada.”

Il discorso della NDAA sulle linee del fronte e anche sulle “corsie marittime” e sui “choke point” rievoca l’Artico come un campo di battaglia, in cui la geopolitica è un gioco a somma zero. L’Artico dei comandanti americani odierni sembra essere meno come uno della Connectography di Parag Khanna e più uno da Pivot of History di Halford Mackinder. Non esiste più una zona “fuzzy” in cui le grandi potenze occidentali e non occidentali possono coesistere, specialmente se non sono stati dell’Artico. Piuttosto, la NDAA ricorda che la Cina “Si dichiara come uno Stato vicino all’Artico, anche se il suo territorio più vicino all’Artico è a 900 miglia di distanza”.

La Cina, da parte sua, sottolinea costantemente il suo impegno per la pace nell’Artico. La politica artica del paese, pubblicata nel 2018, rileva che il governo desidera “costruire una comunità con un futuro condiviso per l’umanità e contribuire alla pace, alla stabilità e allo sviluppo sostenibile nell’Artico”. Sotto molti aspetti, la politica cinese assomiglia al discorso di Gorbaciov a Murmansk in che ha osservato, “La comunità e l’interrelazione degli interessi di tutto il nostro mondo si fa sentire nella parte settentrionale del globo, nell’Artico, forse più che altrove.”

Dal punto di vista di Washington DC, nel 2019 sembra che la comunità artica si stia fratturando lungo linee di tempra. La Strategia di Sicurezza Nazionale descrive la Cina e la Russia come “Poteri revisionisti”, ma l’ironia è che, almeno in termini di retorica, sono gli Stati Uniti che sembrano tornare ai dialoghi dell’era della Guerra Fredda: contenimento, linee, punti di strozzatura e dominio. La dichiarazione della NDAA del 2019 che il governo deve presto identificare “I porti strategici artici” ricorda la costruzione del Distant Early Warning (DEW) degli Stati Uniti e del Canada negli anni ’50 e ’60. Questa serie di 63 stazioni costruite lungo il 69 ° parallelo dall’Alaska alla Groenlandia aveva lo scopo di mettere in guardia contro gli attacchi missilistici nucleari sovietici provenienti dalla gelida aria artica. Ora, i prossimi porti artici strategici potrebbero essere pensati per prevenire le incursioni fatte attraverso un mare sempre più aperto, riscaldato e acidificante.

Non si può negare che la Cina e la Russia investano di fatto in nuove attività nell’Artico, dalla cooperazione congiunta sul progetto di gas naturale liquefatto di Yamal ai nuovi rompighiaccio per entrambi i paesi (uno per la Cina e quattro per la Russia, con altri otto previsti), e 16 porti di acque profonde rinnovati o di recente costruzione, oltre a 14 campi di aviazione per Mosca.

Eppure, al contrario, gli Stati Uniti sembrano scuotere la sciabola dei contributi fiscali per sostenere le loro paurose parole. Il linguaggio della NDAA non proietta l’immagine della forza americana nell’Artico. Invece, tutti i rapporti che alimentano la NDAA 2020, e lo stesso budget proposto, tradiscono l’ansia del governo per la mutevole geopolitica dell’Artico. Suggerisce anche di ignorare che gran parte del crescente interesse da parte della Russia e della Cina nell’Artico deriva non tanto dal desiderio di militarizzare la regione, quanto piuttosto dall’utilizzarlo economicamente sviluppando sfruttando le sue rotte e le sue risorse di navigazione.

Gli Stati Uniti hanno poco da guadagnare dalla partecipazione allo sviluppo della rotta del Mare del Nord. Inoltre, probabilmente non beneficerebbe nel breve termine dell’investimento nel passaggio a nord-ovest con il Canada, che è un passaggio più difficile da attraversare e che non offre una redditizia scorciatoia tra Europa e Asia. Come tale, attualmente non ha senso che gli Stati Uniti provino a infrastrutturare la costa dell’Alaska per supportare una grande quantità di attività marittima (almeno fino a quando, ad esempio, il Transpolar Passage si avvicinerà alla realtà).

Nel frattempo, e in modo deludente, la retorica americana sta solo alzando la temperatura geopolitica, eludendo la pratica a favore della propaganda.

Articolo di Mia Bennett, pubblicato sul sito Cryopolitics
Traduzione a cura di Osservatorio Artico, con diritto esclusivo di traduzione da parte dell’autrice.

Leonardo Parigi © Tutti i diritti riservati

Lascia un commento

uno − 1 =