giovedì, Agosto 22, 2019
osservatorioartico@gmail.com
AmbienteEconomia

Il WWF si concentra sull’Oceano Artico

Getting it right in a new ocean, il nuovo report

Un nuovo rapporto, “Getting it right in a new ocean. Bringing Sustainable Blue Economy principles to the Arctic“, lanciato lo scorso 26 novembre dal Programma Artico del WWF, è il primo studio del suo genere a delineare come le risorse oceaniche e le economie oceaniche dell’Artico possano essere sviluppate per garantire la salute a lungo termine, degli ecosistemi regione e del pianeta.

Il rapporto avverte che gli approcci convenzionali allo sviluppo minacciano la stessa esistenza di gran parte degli ecosistemi caratteristici della regione, minando la sostenibilità per le comunità e le economie relative.

Rilasciata in concomitanza con la prima conferenza mondiale sull’economia sostenibile sostenibile, ospitata dai governi di Kenya, Canada e Giappone, a Nairobi, il rapporto descrive come stia emergendo un “nuovo oceano”, mentre il ghiaccio artico si scioglie.  Il maggiore sviluppo economico per sfruttare questa tendenza – fino a 1 trilione di dollari nei prossimi 15 anni! – potrebbe intensificare molti degli impatti negativi sulla regione, a meno che non vengano prese decisioni chiare in anticipo per definire una direzione sostenibile. Il rapporto offre una guida ai governi e alle imprese su come raggiungere la sostenibilità in questo momento cruciale per l’Artico.

Il Dr. Simon Walmsley, direttore della sostenibilità del Programma Artico del WWF, ha dichiarato:
«Il cambiamento climatico sta rendendo l’Artico più accessibile che mai. Ma l’Oceano Artico rimane un luogo remoto e rischioso per fare affari. Partendo da una premessa di sostenibilità prima che inizi il potenziale enorme sviluppo, possiamo aiutare a prevenire gli impatti più negativi per questo ecosistema altamente vulnerabile».

L’Oceano Artico e le sue coste ospitano 34 specie di mammiferi marini, 633 specie di pesci e quattro milioni di persone, tra cui popolazioni e popolazioni indigene. Finora i maggiori settori economici dell’ecosistema vulnerabile hanno incluso attività estrattive, petrolio e gas, servizi, pesca e trattamento delle risorse, ma mentre il ghiaccio nell’Oceano Artico centrale si riduce, le spedizioni e il turismo sono destinati a diventare settori chiave. Ad esempio, in soli dieci anni, l’Islanda ha registrato un aumento del turismo del 400%.

Il rapporto sottolinea l’importanza di assicurare che qualsiasi sviluppo futuro promuova un Artico sano e con una biodiversità protetta. Le coste vulnerabili dell’Artico e le specie marine come pesci, foche e balene saranno sempre più in conflitto con le attività industriali – come la navigazione e l’esplorazione sismica – e potrebbero essere danneggiate da specie invasive, rumori sottomarini e fuoriuscite di petrolio senza adeguate politiche. La creazione di una rete pan-artica di aree marine protette per consentire alle specie di rispondere, adattarsi ed essere resilienti in risposta ai rapidi cambiamenti climatici, sarebbe un esempio di gestione basata sugli ecosistemi in azione.

John Tanzer, capo del WWF Oceans Practice, ha dichiarato:
«È motivo di grande preoccupazione che il cambiamento climatico stia modificando l’Artico così rapidamente, ma dobbiamo sfruttare ogni opportunità ora per applicare ciò che abbiamo imparato dal progresso delle economie blu di altre regioni del mondo per ottenere fin dall’inizio questa regione. Sono necessari orientamenti chiari, motivo per cui invitiamo i governi, gli investitori e i leader del settore a impegnarsi ad applicare i principi del WWF per un’economia blu sostenibile e i principi di finanza sostenibile per l’economia blu quando prendono decisioni di investimento nell’Artico. Le popolazioni e le comunità indigene dell’Artico saranno le più direttamente interessate dalle conseguenze delle decisioni di sviluppo e devono essere partner a pieno titolo in tutti i processi in cui vengono prese le decisioni di sviluppo ».

Maggiori informazioni: Arctic WWF

 

Leonardo Parigi © Tutti i diritti riservati

Lascia un commento

4 × cinque =