NorvegiaViaggi

Turismo, in Norvegia spopola il glamping

Natura e lusso per una vacanza attiva e rilassante

Nonostante una brusca frenata dovuta al Covid (-32% su base annua), il turismo è in forte crescita in Scandinavia. E in Norvegia spopola il glamping, per vivere la natura senza rinunciare alla comodità.

Alla scoperta del “Glamping”

Ormai da qualche anno, sul mercato turistico mondiale, è in forte ascesa un nuovo modo di praticare il “camping”, ovvero il “glamping”. Una formula a metà strada tra un soggiorno di lusso e un campeggio tradizionale. La parola stessa è la crasi di: “glamour camping”.

Il glamping nasce prima nei paesi caldi come il Sudafrica, l’Australia o la Nuova Zelanda, per poi espandersi anche in Europa e successivamente in Scandinavia; in questa regione lo possiamo ritrovare in Norvegia, Svezia e Danimarca.

In Norvegia, il glamping è un fenomeno che si articola su tutto il territorio nazionale, da Nord a Sud, ma le strutture più affascinanti e più ricercate sono quelle che si trovano nelle aree più settentrionali, nelle isole Lofoten e oltre il Circolo Polare Artico.

Vivere la natura con comodità

Questa nuova pratica turistica offre un nuovo modo di vivere la Norvegia e l’Artico norvegese in qualunque periodo dell’anno. E con il massimo comfort, grazie a cupole artiche, yurte, bozzoli appesi, igloo di vetro, lavvu dei Sami e igloo di ghiaccio

glamping-norvegia

La tendenza del glamping si è rafforzata ed è maturata negli ultimi anni, grazie anche a social network come Facebook e Instagram, che da sempre con le loro pagine specializzate rappresentano moltiplicatori per la promozione e la comunicazione turistica.

È risaputo che i norvegesi siano amanti del mondo outdoor e della natura, come ad esempio il trekking, l’hiking o il sailing. E che di conseguenza adattino la loro offerta turistica nazionale sulle loro passioni. Infatti, molto spesso le strutture di glamping vengono realizzate in un bosco, in un prato o su un’isola (raggiungibile in canoa), e offrono attività che si coniugano perfettamente con la vacanza “active”.

Il Glamping in Norvegia

A seconda della tipologia di target di riferimento, l’offerta turistica si compone di sei tipologie diverse di glamping: 

  1. La cupola con vista. Si tratta di una vacanza nuova e interattiva, che permette di osservare dall’interno di questa struttura, la natura ed il paesaggio circostante. Solitamente queste strutture offrono attività di trekking, caccia e pesca e food & beverage. 
  2. Il glamping nelle yurte. Un tempo le yurte erano le abitazioni tradizionali dei nomadi asiatici. Oggi invece si sono diffuse in tutto il mondo, e sono diventate un elemento fondamentale per il glamping (sono dotate di ogni comfort moderno e sono provviste anche di bagno).
  3. Il bozzolo appeso. Si tratta di strutture sospese a due metri dal suolo e dotate di ogni comfort, spesso vengono realizzati nelle pinete o nei boschi norvegesi; sono le strutture più amate da chi vuole evadere dallo stress cittadino.
  4. L’igloo di ghaiccio. Struttura caratterizzata per metà da una cupola di vetro che permette di osservare a 360 gradi il panorama circostante, dotate anch’esse di ogni comfort tradizionale, vengono scelte soprattutto nel periodo invernali dai cacciatori di aurore.
  5. Le tende lavvu. Queste tende richiamo la cultura del popolo Sami, un popolo indigeno della Norvegia, che durante la transumanza delle renne costruivano queste abitazioni per ripararsi dal gelo notturno. Oggi sono un modo innovativo per immergersi nella cultura di questo popolo.
  6. L’hotel di ghiaccio. Questi hotel offrono ai turisti un modo alternativo per vivere l’esperienza dei ghiacci; inoltre, l’interno è decorato finemente con statue di neve e ghiaccio.

Il Glamping oltre il Circolo Polare Artico

Anche a Nord della Norvegia sono presenti questi tipi di strutture, come ad esempio alle Isole Lofoten, a Narvik e a Hamneide

LOFOTEN 

Sulle isole Lofoten, si trova il FLO Lofoten ECO escapes, un luogo perfetto per rilassarsi, per scappare dalla frenesia cittadina, e per rimanere completamente immersi nella natura.  Si tratta di un complesso di Sami Goahti, che permette ai turisti di rimanere in stretto contatto con la vita artica e di immergersi completamente nella cultura locale, grazie al fatto che la cena viene servita al fuoco nel Goahti di legno e che la colazione si basa sui prodotti del luogo. 

Narvikfjellet. Foto: Narvik Adventures Michael Ulriksen

NARVIK

Il Narvik Adventures AS è situato a soli 2,3 km dal Museo Ofoten, e dispone di alloggi con accesso a un giardino privato. Ogni struttura è dotata di ogni comfort per far vivere al turista un’esperienza indimenticabile. L’aeroporto più vicino è l’aeroporto di Harstad/Narvik, a 77 km da Narvik Adventures.

Dalle cupole immerse nei boschi di Narvik è possibile osservare il fiordo e la cittadina artica, mentre nelle notti polari non è raro vedere le luci del Nord.

HAMNEIDE

Le Captain small houses di Hamneide offrono sistemazioni dotate di ogni attrezzatura e comfort. Ogni unità abitativa dispone di un patio con vista sul mare, per poter osservare le balene e in inverno l’aurora boreale. In loco è disponibile un’area spiaggia privata e nelle immediate vicinanze è possibile praticare lo sci e le immersioni. I turisti hanno inoltre accesso gratuito a una barca a motore, che può essere utilizzata per l’osservazione delle balene o per la pesca. 

camping-norvegia-lusso

ATTIVITÀ PRINCIPALI

Le attività che si possono praticare (active e slow) in questi luoghi sono diverse e numerose. Tra le più apprezzate dai turisti di tutto il mondo risultano essere le seguenti:

  • trekking
  • hiking
  • biking
  • sci
  • canoa
  • attività di pesca
  • safari con gli husky o le renne
  • tour per vedere l’aurora boreale
  • trattamenti benessere 

Per chi è adatto il Glamping?

L’attività del glamping è adatta per tutti coloro che amano la natura, le attività all’area aperta e non disprezzano affatto le comodità. Rappresenta un nuovo modo divertente per vivere contesti naturali senza dover rinunciare a un bagno caldo confortevole, a un materasso adatto e a tante altre piccole cose che diventano irrinunciabili, soprattutto superata una certa età.

Fonte: www.ssb.no

Il “campeggio di lusso” rappresenta inoltre un punto di partenza per lo sviluppo del turismo nelle aree più remote di Norvegia, Islanda, Svezia e Finlandia, perché consente di avere maggiori numeri e introiti pur mantenendo un alto livello di sostenibilità ambientale.

Risulta dunque più semplice capire quali siano i punti di contatto tra la nazione e il fenomeno del glamping, dato che entrambi si basano sul rispetto della natura e dell’individuo, sulla sostenibilità e sull’importanza dell’attività fisica.

Andrea Delvescovo

Osservatorio Artico © Tutti i diritti riservati

Andrea Delvescovo
Sono laureato in “Lingue e comunicazione per l’impresa e il turismo” presso l’Università della Valle d’Aosta, oltre a scrivere articoli per Osservatorio Artico, collaboro anche con il Centro studi Italia- Canada. In particolare mi occupo di geografia turistica e commerciale, novità imprenditoriali e nuovi trend.

Lascia un commento

7 + quattordici =

Vuoi rimanere aggiornato sulle novità dell'Artico?

Entra nella più grande community degli appasionati dell'Artico, unisciti a oltre 2500 iscritti

Grazie per esserti iscritto e benvenuto tra noi!