Affari Militari

Navi cinesi e russe avvistate al largo dell’Alaska

Due navi cinesi e quattro scafi della Marina russa sono stati avvistati da un C-130 Hercules della Guardia Costiera americana.

Incontri inaspettati

Una motovedetta della Guardia Costiera statunitense, la Kimball, in pattuglia di routine nel mare di Bering, si è imbattuta in un incrociatore missilistico cinese. L’incrociatore non era solo mentre navigava a circa 86 miglia a nord dell’isola di Kiska in Alaska, il 19 settembre scorso.

In zona c’erano altri due navi cinesi e quattro navi della Marina russa, incluso un cacciatorpediniere, tutte in un’unica formazione. Un C-130 Hercules ha fornito supporto aereo alla Kimball dalla stazione della Guardia Costiera di Kodiak.

“La formazione ha operato in conformità con le regole e le norme internazionali”, ha detto l’ammiraglio Nathan Moore, comandante del distretto della Guardia Costiera. La formazione cinese e russa è stata segnalata un mese dopo che il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha parlato dell’interesse della Cina per l’Artico e del rafforzamento militare della Russia in quella zona.

Interessi strategici

Stoltenberg ha affermato che la Russia ha istituito un nuovo comando artico e ha aperto centinaia di siti militari artici, inclusi porti e aeroporti in acque profonde. La Cina si è dichiarata uno stato “vicino all’Artico” e prevede di costruire la più grande rompighiaccio del mondo.

“Pechino e Mosca si sono impegnate a intensificare la cooperazione pratica nell’Artico. Questo fa parte di una partnership strategica sempre più profonda che sfida i nostri valori e interessi”, ha detto Stoltenberg in una visita nel nord del Canada.

Non è la prima volta che le navi della Marina cinese hanno navigato vicino alle acque dell’Alaska. Già nel settembre 2021, la Guardia Costiera aveva incontrato navi cinesi, alcune a circa 50 miglia al largo delle Isole Aleutine nel Mare di Bering e nell’Oceano Pacifico settentrionale.

Articolo pubblicato originariamente su ShipMag

Osservatorio Artico © Tutti i diritti riservati

Leonardo Parigi

Sono Laureato in Scienze Politiche Internazionali all’Università di Genova e di Pavia. Sono giornalista pubblicista, e collaboro con testate nazionali sui temi di logistica, trasporti, portualità e politica internazionale.

Articoli Recenti

La nuova strategia degli Stati Uniti per l’Artico

La regione artica ha suscitato nel corso degli anni una limitata attenzione da parte delle…

10 ore fa

Marina Militare italiana ed ENEA ancora insieme per la ricerca polare

Rinnovato mercoledì 23 novembre il memorandum di collaborazione tra le due istituzioni, con l'obiettivo di…

7 giorni fa

La crociera oceanografica Cassandra

Il contributo italiano alla determinazione dello stato corrente dell'Oceano Artico: la crociera oceanografica CASSANDRA. La…

1 settimana fa

COP27, entro il 2050 estati senza ghiaccio nell’Artico

La conferenza sul clima del 2022, che si chiuderà in ritardo a causa di una…

2 settimane fa

Voci da Helsinki

La guerra in Ucraina e la pressione dei fuggitivi dalla coscrizione di Mosca, la relazione…

2 settimane fa

Artemis, la nuova nave-spia della Svezia

La Svezia è uno dei pochi paesi al mondo con una nave di intelligence appositamente…

2 settimane fa