Canada

Nuove navi per il pattugliamento dell’artico canadese

Presso lo stabilimento canadese Irving Shipbuilding di Halifax sono in corso i lavori sulla prima delle due nuove navi da pattugliamento artico e offshore (AOPS) per la flotta della Guardia costiera canadese.

Nuove unità per Ottawa

Annunciata nel 2022 come estensione del contratto per la costruzione di sei navi AOPS (Arctic and offshore patrol ships) destinate alla Royal Canadian Navy, la prima delle due navi della Guardia Costiera canadese dovrebbe essere consegnata nel 2026. La sua nave gemella è prevista per il 2027, e sostituirà due delle cinque navi pattuglia d’altura esistenti. Le nuove navi della Guardia Costiera fanno parte della strategia nazionale per rafforzare l’industria cantieristica del Paese.

Irving Shipbuilding, il cantiere di Halifax che si sta occupando dei lavori, ha già consegnato i primi tre AOPS alla Royal Canadian Navy, mentre la quarta nave ha effettuato le prove in mare il mese scorso e la consegna è prevista entro la fine dell’estate. Questo mese verranno uniti i blocchi per la quinta nave, ed entro la fine dell’estate è prevista anche la posa della chiglia per la sesta nave.

Fonte: Irving Shipbuilding

Tutte le navi condividono le stesse dimensioni con un dislocamento di 6.677 tonnellate. Lo scafo è progettato per supportare la funzione rompighiaccio nel basso Artico durante l’estate e sulla costa orientale canadese durante l’inverno. Sono in grado di rompere il ghiaccio del primo anno di un metro a una velocità di 3 nodi. I componenti principali delle navi, come lo scafo, i motori e i sistemi di propulsione, sono gli stessi di tutta la classe.

La missione delle AOPS

Le nuove navi da pattugliamento artico e offshore della Guardia costiera canadese funzioneranno come piattaforma primaria per supportare le missioni di controllo della pesca sulla costa orientale del Canada. Sosterranno inoltre le operazioni di ricerca, salvataggio e rompighiaccio sulla costa orientale e saranno in grado di dare risposte migliori per il supporto alla navigazione.

Pur utilizzando lo stesso design generale, le ultime due navi della classe sono state modificate per soddisfare i requisiti delle navi civili e soddisfare la missione della Guardia Costiera canadese. Ciò include la rimozione delle armi, nonché modifiche alla disposizione del ponte, agli alloggi, agli spazi di missione, al ponte di lavoro e alla personalizzazione degli spazi selezionati per le missioni scientifiche, inclusa l’aggiunta di vari sensori montati sullo scafo.

Fonte: www.cgai.ca

Le AOPS sono navi altamente capaci e versatili rispetto alle navi pattuglia offshore esistenti. Le nuove navi potranno operare oltre le 120 miglia nautiche anche al di fuori della Zona Economica Esclusiva. Avranno una velocità massima di 17 nodi e potranno rimanere in mare fino a 48 giorni. Potranno ospitare un equipaggio di 31 persone e disporranno di un totale di 57 posti letto.

Leonardo Parigi

Osservatorio Artico © Tutti i diritti riservati

Leonardo Parigi

Sono Laureato in Scienze Politiche Internazionali all’Università di Genova e di Pavia. Sono giornalista pubblicista, e collaboro con testate nazionali sui temi di logistica, trasporti, portualità e politica internazionale.

Articoli Recenti

SOS Arctic 2024, missione compiuta!

La spedizione è finita! L'ultimo racconto di viaggio di Enrico Gianoli dalla spedizione SOS Arctic…

3 ore fa

Artico, materia d’intelligence

La Società Italiana di Intelligence (SOCINT) crea un Osservatorio di Intelligence sull’Artico allo scopo di fornire analisi…

23 ore fa

La campagna elettorale del ghiacciaio Snæfellsjökull

Sabato 1° giugno si sono tenute in Islanda le elezioni presidenziali. A dispetto dei pronostici,…

23 ore fa

New Wild Nord. Il tesoro nascosto della Groenlandia

I processi di decarbonizzazione del pianeta e le nuove tecnologie aprono una nuova caccia al…

2 giorni fa

SOS Arctic 2024, il ritorno sulla terra

Il racconto di viaggio di Enrico Gianoli dalla spedizione SOS Arctic 2024 dell'11 giugno 2024. Osservatorio…

3 giorni fa

I nuovi parlamentari artici a Bruxelles

Le elezioni europee regalano alla regione artica tre eletti, dalle aree settentrionali della Finlandia e…

4 giorni fa