Italia

La Guardia di Finanza alle Svalbard a supporto della ricerca polare

Due militari del Soccorso Alpino della Guardia di Finanza alla Stazione Artica “Dirigibile Italia” del CNR sull’isola di Spitsbergen, nell’arcipelago delle Svalbard, in Norvegia.

Dalle Alpi all’Artico

La missione, un unicum nel suo genere. Mai prima d’ora, infatti, il Corpo della Guardia di Finanza si era spinto a latitudini così elevate. La missione avrà il compito di tutelare le spedizioni in ambiente esterno nonché di provvedere all’organizzazione di corsi di formazione per la movimentazione in sicurezza in aree impervie, assicurando agli scienziati e operatori la consolidata esperienza nella gestione dei pericoli oggettivi e soggettivi legati a condizioni ambientali e meteorologiche insidiose e ostili. 

La base artica ‘Dirigibile Italia’, situata nel villaggio di Ny – Alesund, il centro abitato più a Nord del Pianeta e gestita dall’Istituto di Scienze Polari del Cnr, si arricchirà del contributo di un Ufficiale quale capo missione, il Tenente Colonnello Alessandro Alberioli, e di un Ispettore della componente specialistica del Corpo, il Maresciallo Ordinario Nicola Zarbo.

Inaugurata nel 1997, la stazione di ricerca multidisciplinare fornisce supporto a numerosi progetti scientifici nazionali e internazionali, con il coinvolgimento di un numero sempre crescente di ricercatori e con l’esigenza sempre più pressante di un coordinamento professionale per l’efficace gestione degli aspetti logistici ed operativi. 

La presenza italiana alle Svalbard

La presenza dei finanzieri italiani all’interno di questa comunità scientifica, che si inquadra nell’ambito dei più ampi rapporti di collaborazione con il Cnr, contribuirà a implementare ulteriormente la cornice di sicurezza a favore degli scienziati che quotidianamente operano in condizioni così estreme.

Le Svalbard, situate nell’Oceano Artico, offrono, infatti, un ambiente straordinario per la ricerca, ma le severe condizioni meteorologiche e la particolare orografia possono rappresentare un limite per scienziati e personale tecnico.

© CNR

Nella circostanza sono stati anche ricordati i due finanzieri della componente del Soccorso Alpino (S.A.G.F.), in forza alla Stazione di Tarvisio – il Fin. Lorenzo Paroni e il Fin. Giulio Alberto Pacchione – che la scorsa settimana, hanno prematuramente perso la vita in servizio, nel corso di un’esercitazione sulle Alpi Giulie Occidentali.

Osservatorio Artico © Tutti i diritti riservati

Redazione

Articoli Recenti

SOS Arctic 2024, il paradosso di Thoreau

Il racconto di viaggio di Enrico Gianoli, membro della spedizione SOS Arctic 2024 a bordo…

3 giorni fa

La NATO e la UE come fattori di stabilità nell’Artico

L'intervento del nostro inviato Marco Dordoni all'Arctic Circle Forum di Berlino. Nato e Ue come…

4 giorni fa

Alta, la città dell’aurora boreale

Per secoli è stata il punto di incontro tra comunità indigene, oggi Alta racconta la…

5 giorni fa

SOS Arctic 2024, la traversata nel ghiaccio

Il racconto di viaggio di Enrico Gianoli, uno dei due italiani nella spedizione guidata da…

5 giorni fa

La nuova strategia della difesa canadese

La nuova strategia della difesa di Ottawa, tra guerra in Ucraina e cambiamento climatico. Il…

6 giorni fa

SOS Arctic 2024: Eppur si muove!

Il racconto di viaggio di Enrico Gianoli, uno dei due italiani nella spedizione guidata da…

7 giorni fa