Affari Militari

Pronta a partire Arctic Challenge 2023, l’esercitazione aerea delle forze nordiche

Con 150 jet da combattimento e aerei di supporto, 14 nazioni pronte per massicce esercitazioni dell’aeronautica nordica.

Arctic Challenge 2023

Il logo di Arctic Challenge 2023

L’ultima volta, Arctic Challenge si presentava come un’esercitazione congiunta di routine per la difesa e la sicurezza dell’area nordica. Oggi, dopo un anno di guerra in Ucraina e l’ingresso di Finlandia (attuato) e Svezia (in corso d’opera) nella NATO, la situazione è differente.

Arctic Challenge 2023 è un’esercitazione congiunta delle aeronautiche che prenderà il via il 29 Maggio, coinvolgendo circa 150 velivoli di 14 diversi Paesi, insieme alle forze dell’Alleanza Atlantica. Con oltre 3.000 unità di personale coinvolte, l’esercitazione sarà gestita da quattro diverse basi: Ørland in Norvegia, Kallax in Svezia, e Rovaniemi e Pirkkala in Finlandia.

Le missioni si svolgeranno nei cieli dei tre Paesi nordici fino al 9 Giugno, impiegando anche gli F-35 italiani. Lo spazio aereo considerato per l’iniziativa sarà compreso tra i confini con la Russia a Est e il Mare di Norvegia a Ovest.

Le forze in cielo

La NATO schiererà alcuni velivoli AWACS come piattaforme di comando e controllo radar. Gli Stati Uniti e l’Italia arriveranno con gli F-35 e la Cechia si unirà con gli aerei JAS Gripen. Circa 50 aerei sono destinati a volare dalla base aerea di Ørland, di cui da 6 a 10 saranno F-35 norvegesi. Altre nazioni partecipanti distribuiscono i loro caccia e velivoli di supporto nelle basi in Svezia e Finlandia.

Le nazioni nordiche hanno già circa 40 sessioni di addestramento congiunte all’anno e sono in corso trattative per un comando aereo congiunto ora che la Finlandia è entrata a far parte della NATO e la Svezia è alle porte dell’Alleanza.

Il 2023 è il primo anno in cui la base aerea di Ørland vicino a Trondheim sarà il centro operativo per il contributo norvegese all’esercitazione. Con l’eliminazione graduale dell’F-16, la base aerea di Bodø all’interno del circolo polare artico è stata chiusa lo scorso anno e la maggior parte dei nuovi F-35 vola fuori dall’Ørland. La Norvegia parteciperà all’esercitazione con F-35 Lightning II e NASAMS III.

Leonardo Parigi

Osservatorio Artico © Tutti i diritti riservati

Leonardo Parigi

Sono Laureato in Scienze Politiche Internazionali all’Università di Genova e di Pavia. Sono giornalista pubblicista, e collaboro con testate nazionali sui temi di logistica, trasporti, portualità e politica internazionale.

Articoli Recenti

Giochi di guerra nell’Artico norvegese

L’imminente esercitazione militare Nordic Response 2024 e le incursioni dei bombardieri strategici russi dimostrano il…

19 ore fa

Naval’nyj, morto il principale oppositore di Putin

Aleksej Naval'nyj è morto nel primo pomeriggio di venerdì 16 febbraio, ora locale, secondo quanto…

5 giorni fa

Il vaiolo dell’Alaska miete la sua prima vittima

Un anziano immunodepresso ha contratto il virus, noto per essere trasmesso da piccoli mammiferi, che…

6 giorni fa

Nuove navi a metanolo tra Islanda e Fær Øer

L’ordine per la costruzione delle due navi è stato assegnato al cantiere navale Cimc Raffles…

1 settimana fa

Alexander Stubb è il nuovo presidente della Finlandia

Una lunga corsa presidenziale ha visto trionfare Alexander Stubb, del partito di Coalizione Nazionale, su…

1 settimana fa

Cambiamento climatico, l’Artico sta perdendo la memoria

Lo scioglimento causato dal riscaldamento globale sta deteriorando rapidamente il segnale climatico contenuto nei ghiacciai…

1 settimana fa