Cultura

Pride Month, i diritti LGBTQ+ oltre il Circolo Polare

Il mese dell’orgoglio gay è protagonista anche nei Paesi artici e subartici, per quanto esistano profonde differenze tra nazioni e culture.

Arctic Pride Month

Fin dai moti di Stonewall a New York del 1969, a Giugno si celebra il Pride, il mese dell’orgoglio gay e di tutte le sfumature umane di identità e genere. Anche nei paesi artici questa tradizione è abbracciata e celebrata, e alcuni tra questi sono addirittura tra le mete più LGBT-friendly del mondo.

Cinque nazioni artiche sono tra i primi 20 Paesi più sicuri per la comunità LGBT+ secondo il LGBTQ+ Danger Index. Canada, Svezia, Norvegia, Islanda e Danimarca sono riconosciute come democrazie largamente progressiste ed evolute, sotto questo aspetto. In Islanda, ad esempio, le unioni civili omosessuali sono riconosciute già dal 1995, e i matrimoni omosessuali dal 2010 (che possono anche essere celebrati in Chiesa dal 2015).

La parata del Pride a Reykjavik
Fonte: www.gaytravel4u.com

L’Islanda è stato inoltre il primo Paese a eleggere un capo del governo apertamente omosessuale, Johanna Sigurdardottir (2009-2013). Tra i Paesi artici, però si annovera anche la Russia, dove la comunità LGBT+ è continuamente sotto attacco dal 2000, che rappresenta un anno di svolta dell’attitudine del governo russo verso la comunità.

Violenza e diritti

Prima del 2000, anche in Russia relazioni e matrimoni omosessuali erano stati de-criminalizzati nel 1993, e l’omosessualità non era più considerata una malattia mentale. Inoltre, ai russi transgender dal 1997 era stata concessa legalmente la possibilità di cambiare il loro genere nei documenti ufficiali.

A cambiare drasticamente le cose sono state le leggi che proibiscono la “propaganda LGBT”, adottate dal 2006 al 2013, che prevedono pene che vanno da multe di 5000 rubli fino alla deportazione in caso di dimostrazioni pubbliche d’affetto. 

Il culmine della lotta alla comunità LGBT+ è stato la creazione dei campi di detenzione per omosessuali e sospetti tali nella repubblica della Cecenia nel 2017, come riportato da giornalisti della Novaya Gazeta, dove più di 100 uomini gay hanno subito torture e maltrattamenti in quella che è stata definita una “campagna di violenza coordinata dalle autorità”

Sotto attacco

Tre attivisti russi, dopo essere stati condannati per aver protestato contro queste leggi tra il 2009 e il 2012, si sono appellati alla Corte Europea dei Diritti Umani. La quale ha riconosciuto alla Russia la violazione degli articoli 10 (libertà di espressione) e 14 (divieto di discriminazione) della Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo.

Nonostante in altri Paesi artici la situazione sia nettamente migliore, la violenza contro la comunità LGBT continua anche oggi. L’ultimo caso è dello scorso sabato 25 Giugno, quando due persone sono morte e 21 sono state ferite a Oslo in un potenziale attacco terroristico avvenuto vicino al London Pub, uno dei locali preferiti dalla comunità LGBT+ nella capitale norvegese.

Nonostante la parata del Pride sia stata formalmente cancellata per sicurezza, centinaia di persone hanno comunque deciso di marciare vicino alla scena del crimine per dimostrare il loro supporto al grido “We’re here, we’re queer, we won’t disappear!”. 

Giulia Prior

Osservatorio Artico © Tutti i diritti riservati

Giulia Prior

Ho conseguito una Laurea Magistrale in Security Intelligence and Strategic Studies presso l'Università di Glasgow dopo una triennale concentrata sul diritto internazionale ed europeo. Mi appassionano tematiche legate ai diritti umani, alla sostenibilità ambientale e alla sicurezza internazionale.

Articoli Recenti

Dalle rompighiaccio alle navi commerciali. Il nucleare come combustibile pulito?

Dall'esempio delle navi rompighiaccio artiche la possibile energia pulita per quelle mercantili. Una strada davvero…

2 giorni fa

The Day After Tomorrow, o dell’atlantificazione dell’Artico

Ecco come alcune migliaia di papere di gomma aiutarono a scoprire le correnti globali. E…

2 giorni fa

Le sanzioni secondarie degli USA colpiscono il mercato energetico russo

Le banche cinesi, turche e degli Emirati Arabi Uniti sono restie ad investire in Russia…

3 giorni fa

Turismo o carbone? Il futuro delle Svalbard russe

Con la produttività della miniera di carbone in forte calo, la Russia ha l'intenzione di…

5 giorni fa

Le pernici bianche nordiche e il loro nuovo mondo

Un risveglio nel marzo della Finlandia settentrionale regala un'emozione naturalistica, spunto per una riflessione sul…

6 giorni fa

Red Flag 2024, anche l’Italia all’esercitazione nei cieli d’Alaska

I caccia italiani sono atterrati a sud di Seattle. Nelle prossime due settimane prenderanno parte…

1 settimana fa