Affari Militari

Giochi di guerra nell’Artico norvegese

L’imminente esercitazione militare Nordic Response 2024 e le incursioni dei bombardieri strategici russi dimostrano il crescente stato di tensione militare nella regione artica.

I muscoli della NATO

Il prossimo marzo, nell’Artico si svolgerà un’imponente esercitazione militare, battezzata dai suoi organizzatori Nordic Response 2024. Con il coinvolgimento di oltre 20mila uomini, 50 imbarcazioni tra cui varie portaerei e un centinaio di velivoli tra aerei ed elicotteri, questa esercitazione guidata dalla Norvegia (che vedrà anche la partecipazione dell’Italia) avrà luogo in concomitanza con Steadfast Defender, un’altra massiccia manovra militare comandata dagli Stati Uniti.

Fonte: Facebook/Forsvaret

Quest’ultima coinvolgerà 90mila militari provenienti da tutti i membri NATO e dalla Svezia, estendendosi su tutto il territorio europeo nel corso di circa quattro mesi. Insomma, l’Alleanza atlantica flette i muscoli in quella che è stata definita la sua “più grande esercitazione militare da decenni” e si fa vedere ampiamente presente anche nell’Artico, per mare, terra e aria, laddove la Russia si è sempre considerata padrona.

Le esercitazioni militari sono indispensabili per garantire la prontezza operativa delle forze armate nazionali, specialmente in territori impegnativi come l’alta montagna, il deserto o, appunto, l’ambiente artico. La loro importanza, tuttavia, raddoppia quando inserite nel contesto di un’alleanza internazionale.

Fonte: Facebook/Forsvaret

Le manovre, infatti, non solo rafforzano il coordinamento interforze, ma anche tra i comandi di Paesi molto diversi tra loro, e triplica nei momenti di crisi internazionale.

La deterrenza nei confronti della Russia

In periodi di crisi, infatti, emerge prepotentemente il concetto di deterrenza attraverso lo sfoggio della preparazione delle forze armate di un’alleanza internazionale come la NATO nei confronti di potenziali minacce esterne. Nessuno lo dice direttamente, ma è ovvio che lo scopo principale di queste manovre è quello di dimostrare la capacità di risposta delle forze NATO a potenziali minacce russe.

È quindi a sua volta naturale che la Russia si senta in qualche modo irritata, se non intimorita, da un simile spiegamento di forze vicino ai suoi confini, e in un’area geografica per lei così importante strategicamente, culturalmente e storicamente. Dobbiamo considerare che, per evitare incidenti potenzialmente fatali, l’esperienza della Guerra Fredda ha insegnato alla NATO e alla Russia l’importanza del preavviso e della trasparenza nell’organizzare simili azioni militari.

Fonte: Facebook/Forsvaret
Fonte: Facebook/Forsvaret

Il rischio che questa le possa considerare un vero attacco e, quindi, che si verifichi una potenziale escalation nucleare – perché è di questo che si parla – è tuttavia reale. È quindi da mesi che i comandi militari e i governi interessati sono consapevoli delle azioni che la NATO intraprenderà in Europa e la Norvegia e gli alleati sulle coste del Mar Glaciale Artico.

La risposta di Mosca

La Russia, quindi, intende innervosire a sua volta il vicino norvegese, secondo una prassi ormai consolidata. Di lunedì 12 febbraio è la notizia che due Tu-95 hanno sorvolato il Mare di Barents e il Mar di Norvegia verso ovest e ritorno, mantenendosi nello spazio aereo internazionale, in un viaggio della durata di circa cinque ore.

Il Tupolev Tu-95 è un bombardiere strategico – componente indispensabile della triade nucleare russa perché capace di trasportare missili atomici – in servizio presso le Forze Armate sovietiche e poi russe già dagli anni Cinquanta. I due bombardieri erano partiti dalla base aerea di Olen’ja (dove ne sono stanziati una decina) sulla Penisola di Kola, a un centinaio di chilometri da Murmansk, ed erano accompagnati da altrettanti Su-35, moderni aerei da caccia.

Un Tu-95 in volo sul mare di Barents nel febbraio 2023

L’incursione ha tuttavia suscitato le preoccupazioni delle autorità norvegesi, che hanno ordinato il decollo degli F-35 per intercettare e scortare i velivoli russi. Le massicce esercitazioni militari NATO e l’incursione russa con bombardieri nucleari nei pressi dello spazio aereo norvegese (il numero di simili azioni è più che raddoppiato nel corso degli ultimi tre anni) vanno a dimostrare lo stato di crescente riscaldamento, fisico e metaforico, di quello che per millenni è stato visto soltanto come un gelido deserto ai confini del mondo.

Tommaso Bontempi

Osservatorio Artico © Tutti i diritti riservati

Tommaso Bontempi

Dottore in Relazioni Internazionali Comparate, laureato presso l'Università Ca' Foscari di Venezia. Sono appassionato di tutto ciò che riguarda l’Europa orientale, dalla storia alla cultura alle lingue. La mia vita si svolge tra l’Italia e la Russia.

Articoli Recenti

Red Flag 2024, anche l’Italia all’esercitazione nei cieli d’Alaska

I caccia italiani sono atterrati a sud di Seattle. Nelle prossime due settimane prenderanno parte…

17 ore fa

Dai Variaghi a Putin. La Russia moscovita

Ivan III il Grande: dal mito dell’unificazione delle terre russe alle prime incursioni in Siberia.…

2 giorni fa

I problemi logistici delle ferrovie scandinave

La linea ferroviaria che collega Luleå, in Svezia, a Narvik, in Norvegia, è piagata da…

3 giorni fa

Un nuovo satellite per l’Artico

Il nuovo satellite meteorologico artico dell'ESA è stato mostrato al pubblico presso l’azienda produttrice OHB…

4 giorni fa

La Svezia punta la leadership delle navi elettriche a impatto zero

Aliscafi e traghetti elettrici che volano sull'acqua, risparmiando quasi il 98% di emissioni nel life-cycle.…

5 giorni fa

Storia di Jan Mayen, l’isola in mezzo al nulla

Situata nel Mar Glaciale Artico tra la Groenlandia e la Norvegia, l'isola di Jan Mayen…

1 settimana fa