Groenlandia

Come visitare la Groenlandia in inverno

La stagione fredda è ormai alle porte. Quale destinazione migliore per gli amanti dell’inverno, del gelo e dell’Artico, se non la Groenlandia? Ecco alcune informazioni ed idee per un viaggio nell’Isola dei ghiacci. 

Come raggiungere la Groenlandia

Quale destinazione migliore per gli amanti dell’inverno, se non la Groenlandia? L’isola più grande del mondo ha due aeroporti internazionali. Uno situato a Kangerlussaq e uno a Narsarsuaq, i quali sono serviti da due compagnie aeree principali: Air Greenland, la compagnia di bandiera, e Air Iceland

Air Greenland collega Copenaghen a Kangerlussaq con quattro voli diretti a settimana, e Copenaghen a Narsarsuaq con un volo diretto a settimana.

Air Iceland collega invece Reykjavík con Narsarsuaq con due voli a settimana da metà giugno fino agli inizi di settembre.

Di conseguenza per raggiungere la Groenlandia dall’Italia è necessario fare scalo prima a Copenaghen o Reykjavík.

La Groenlandia in inverno

Le stagioni in Groenlandia sono due: una breve estate che va da fine maggio a metà settembre e un lungo inverno che va da ottobre a metà maggio

Le rigide temperature invernali però non rendono assolutamente inaccessibili le bellezze che questa terra ha da offrire. Anzi, nei mesi freddi la Groenlandia si trasforma in un vero e proprio Paese delle meraviglie invernali, con la neve che tappezza ogni città, paese e insediamento. E con il cielo che regala tramonti color pastello.

Queste condizioni, insieme alle casette colorate che spuntano dal bianco paesaggio invernale e alle innumerevoli attività da svolgere, rendono l’isola una destinazione unica e iconica da visitare almeno una volta nella vita. 

Le temperature in Groenlandia

Non è corretto generalizzare né le temperature né le condizioni atmosferiche in Groenlandia, le quali differiscono molto da regione a regione, e rendono possibile apprezzare le meraviglie di questo luogo durante tutti i mesi invernali. 

Nella zona di Narsaq, le temperature variano infatti dai -11 gradi ai + 8 gradi nei mesi invernali, mentre nella regione di Kangerlussaq variano dai -25 gradi ai +4 gradi. 

Se ci si equipaggia bene, è quindi possibile godere della magia dell’inverno groenlandese in tutta comodità.

Cosa mettere in valigia

Obbligatorio per l’inverno in Groenlandia è un abbigliamento adeguato alle basse temperature. I must have per sopravvivere al freddo sono sicuramente collant e canottiere termiche, maglie termiche adatte alle temperature rigide del luogo e maglioni in lana che isolano e tengono asciutto il corpo.

Infine giacca e pantaloni impermeabili e antivento, in grado di proteggere dai -20 gradi e scarponi da neve imbottiti, anch’essi impermeabili. Non possono mancare sciarpa, cappello e guanti da neve.

Le attività da non perdere

Probabilmente è proprio durante questa stagione che l’isola dà il meglio di sé, quindi ecco alcune delle attività che si possono svolgere durante l’inverno in Groenlandia.

Durante un viaggio invernale in Groenlandia non può mancare l’esperienza della pesca sul ghiaccio. Quando le temperature scendono sotto lo zero, i fiordi diventano una distesa ghiacciata perfetta per avventure sulla neve e per sperimentare una delle più antiche tradizioni culturali in Groenlandia, e che ha permesso agli antichi Inuit di sopravvivere anche nelle condizioni metereologiche più difficili.

Ad oggi è possibile organizzare spedizioni giornaliere insieme ad esperti in questa tecnica e provare in prima persona la pesca sul ghiaccio. Altra esperienza imperdibile è la visita al fiordo ghiacciato di Ilulissat

Questo fiordo è uno dei siti più settentrionali a essere stato annoverato tra i patrimoni dell’umanità secondo l’UNESCO, ed è da considerare una meravigliosa collezione di iceberg i quali si sono staccati dal ghiacciaio Sermeq Kujalleq. È possibile visitare il fiordo a bordo di un traghetto costiero o di battelli ad impatto minino sull’ambiente circostante.

I più sportivi possono invece optare per modalità più avventurose per esplorare l’isola, facendo escursioni con le ciaspole, optando per sci d’alpinismo o sci di fondo oppure scegliendo il metodo più veloce e più utilizzato attualmente dagli abitanti della Groenlandia per spostarsi da un luogo all’altro, la motoslitta. Ovviamente sempre accompagnati da guide locali ed esperte. 

In contatto con la popolazione

Ma un viaggio può dirsi completo solo dopo essere entrati in contatto con la popolazione, la cultura e la storia di un luogo. E non ci sono luoghi migliori dei musei per riuscire a fare ciò.

Per citarne alcuni, ricordo il Museo Nazionale ed Archivio di Nuuk e il Museo di Qaqortoq che offre una panoramica della cultura inuit. Importante anche partecipare a eventi locali, si può prendere parte a cooking class o scegliere ristoranti locali per testare le specialità culinarie. 

Tra gli eventi invernali più importanti ricordiamo il “saluto del sole”, che si tiene nel giorno in cui il sole ricomincia a sorgere e ad illuminare i paesi situati al di sopra del Circolo Polare Artico dopo le settimane di notte polare. Questa celebrazione avviene in date diverse da paese a paese a seconda che questo si trovi più o meno vicino al Circolo Polare Artico.

La Groenlandia d’inverno è decisamente un luogo magico da esplorare.

Per altre idee consiglio di consultare il sito dell’ente del turismo groenlandese, Visit Greenland. Per ulteriori informazioni operative, sono disponibili i nostri partner “Un viaggio, infinite emozioni” e “FRAMTours“.

Giulia Sacchi

Osservatorio Artico © Tutti i diritti riservati

Giulia Sacchi

Mi sono laureata in Scienze Internazionali ed Istituzioni Europee presso l'università statale di Milano, dove tutt'ora sto continuando con la magistrale in Scienze Politiche e di Governo. Ed è proprio grazie ai miei studi che mi sono appassionata a tutto ciò che è Artico.

Articoli Recenti

Red Flag 2024, anche l’Italia all’esercitazione nei cieli d’Alaska

I caccia italiani sono atterrati a sud di Seattle. Nelle prossime due settimane prenderanno parte…

18 ore fa

Dai Variaghi a Putin. La Russia moscovita

Ivan III il Grande: dal mito dell’unificazione delle terre russe alle prime incursioni in Siberia.…

2 giorni fa

I problemi logistici delle ferrovie scandinave

La linea ferroviaria che collega Luleå, in Svezia, a Narvik, in Norvegia, è piagata da…

3 giorni fa

Un nuovo satellite per l’Artico

Il nuovo satellite meteorologico artico dell'ESA è stato mostrato al pubblico presso l’azienda produttrice OHB…

4 giorni fa

La Svezia punta la leadership delle navi elettriche a impatto zero

Aliscafi e traghetti elettrici che volano sull'acqua, risparmiando quasi il 98% di emissioni nel life-cycle.…

5 giorni fa

Storia di Jan Mayen, l’isola in mezzo al nulla

Situata nel Mar Glaciale Artico tra la Groenlandia e la Norvegia, l'isola di Jan Mayen…

1 settimana fa