Russia

Dai Variaghi a Putin. Ivan IV “il Terribile”, il primo zar

Ivan il Terribile, primo zar di Russia, modernizzatore e conquistatore, gettò le basi per la trasformazione del Granducato di Mosca in un impero.

La Russia moderna e il suo primo zar

Nel 1533, a soli tre anni, Ivan IV salì al trono di Mosca alla morte del padre Vasilij III Ivanovič. La sua giovanissima età, come è facile immaginare, rendeva però impossibile che potesse effettivamente governare. Questo portò a un periodo di instabilità noto come “Governo dei boiari”. In questa fase, i nobili e grandi proprietari terrieri russi, conosciuti, appunto, come boiari, lottarono ferocemente tra loro per accaparrarsi potere e influenza sullo Stato, approfittando dell’incapacità del piccolo Ivan di governare.

Il Governo dei boiari durò fino al 1547, anno in cui Ivan, raggiunta la maggiore età di sedici anni, volle farsi solennemente incoronare. L’incoronazione di Ivan IV fu un evento eccezionale e senza precedenti, in quanto la stragrande maggioranza dei sovrani russi che lo avevano preceduto era salita al trono senza alcuna particolare cerimonia. 

Foto: Bridgeman / ACI

Con la sua incoronazione, Ivan intendeva presentarsi come erede non solo dei grandi conquistatori mongoli come Gengis Khan, ma anche degli antichi imperatori bizantini. Il metropolita di Mosca Macario, stretto consigliere di Ivan, contribuì in modo determinante all’organizzazione di una cerimonia fastosa e solenne, con lo specifico scopo di impressionare profondamente non solo il popolo russo ma tutto mondo. Fu in questa occasione che Ivan si fregiò per la prima volta del titolo di “zar”, ossia “Cesare” di tutte le terre russe.

Macario appoggiò inoltre il matrimonio di Ivan con Anastasija Romanova Zachar’ina-Jur’eva, proveniente dalla ricca e potente famiglia boiara dei Romanov, che di lì a pochi decenni si sarebbe impossessata del potere politico in Russia, dando origine alla dinastia che avrebbe guidato il Paese fino alla Rivoluzione bolscevica del 1917.

Ivan il Terribile, tra riforme e conquiste

Ivan il Terribile fu un grande riformatore che modernizzò la società russa in modo capillare. Introdusse un nuovo corpus di leggi e riformò profondamente la Chiesa e le forze armate, scegliendo i suoi più stretti collaboratori non in base al lignaggio aristocratico bensì alle loro competenze. Fu inoltre un abile condottiero militare: sotto il suo regno si colloca infatti la campagna che nel 1552 portò alla conquista di Kazan’, capitale dell’omonimo khanato tataro sorto dalle ceneri dell’Impero mongolo di Gengis Khan.

Il Cremlino di Kazan, fatto ereggere da Ivan il Terribile

Poco dopo cadde anche il Khanato di Astrachan’, situato lungo il basso corso del Volga. Grazie a queste decisive vittorie militari, il Granducato di Mosca iniziò a essere considerato un vero e proprio impero, i cui nuovi confini giungevano ora fino alle sponde del Mar Caspio e ai piedi della catena montuosa del Caucaso. La Russia divenne così uno Stato multietnico, con russi, tatari di Kazan’, tatari di Astrachan’ e numerose altre popolazioni indigene.

Dopo le prime incursioni del nonno, Ivan III, Ivan IV dovette tornare a occuparsi della Siberia. Il khan di Sibir, un’altra delle innumerevoli formazioni politiche sorte a seguito della disgregazione dell’immenso Impero mongolo, preoccupato dalla crescente potenza russa, si era sottomesso allo zar promettendo fedeltà e un tributo annuale di pellicce. Il suo successore, tuttavia, troncò ogni rapporto con la Russia ordinando l’omicidio dell’ambasciatore russo. Un conflitto tra le due Potenze confinanti era quindi ormai inevitabile.

Impegnato su più fronti militari, Ivan il Terribile si appoggiò economicamente e militarmente agli Stroganov, ricca famiglia di boiari e mercanti che nel 1580 finanziò una spedizione punitiva cosacca verso il Khanato di Sibir, guidata dal leggendario cosacco Ermak Timofeevič. Questo episodio segnò l’inizio della rapidissima espansione russa in Siberia.

Tommaso Bontempi

Osservatorio Artico © Tutti i diritti riservati

Tommaso Bontempi

Dottore in Relazioni Internazionali Comparate, laureato presso l'Università Ca' Foscari di Venezia. Sono appassionato di tutto ciò che riguarda l’Europa orientale, dalla storia alla cultura alle lingue. La mia vita si svolge tra l’Italia e la Russia.

Articoli Recenti

Dalle Dolomiti all’alto Nord

Alla scoperta dell'Osservatorio atmosferico del Col Margherita, dove la ricerca scientifica punta l'atmosfera globale. In…

18 ore fa

#HN24Daily, Diario di Bordo 20 Luglio

Tra le Svalbard e la Groenlandia, a caccia del ghiaccio marino artico, continuando le attività…

1 giorno fa

Bandiere sovietiche alle Svalbard

L’ennesima provocazione di Mosca dimostra ancora una volta la sua intenzione di mantenere un controllo…

2 giorni fa

Il rumore del silenzio

Tra le attività scientifiche di High North24, alcuni esperimenti sulla propagazione del suono subacqueo per…

2 giorni fa

Ancora ritardi per il programma delle rompighiaccio USA

Ancora ritardi e incertezze per l'ammodernamento della flotta di rompighiaccio statunitensi, mentre salgono i costi…

3 giorni fa

#HN24 Daily, Diario di Bordo 18 Luglio

Secondo giorno di navigazione per nave Alliance, che punta sull'arcipelago norvegese per una prima giornata…

3 giorni fa