Energia

Cattura di CO2 dal mare, l’italiana Ecospray nel consorzio di Equinor in Norvegia

Il progetto pilota utilizzerà la tecnologia Direct Ocean Capture (Doc) di Captura per catturare la CO2 dall’acqua di mare.

La pulizia del mare dalla CO2

Se i risultati della transizione ecologica ancora sono da quantificare, le tecnologie messe in campo per raggiungere gli ambiziosi propositi globali si vanno intensificando. Danimarca e Norvegia sono due tra i Paesi più impegnati nel campo della tecnologia CCS (Carbon Capture & Storage), ovvero nella possibilità di “filtrare” l’aria, ripulendola dalla CO2 in eccesso.

Anidride carbonica che – in quanto gas serra – verrebbe poi stoccata sotto terra o in depositi esausti sotto il mare. Lo scorso novembre la multinazionale energetica Equinor e la società Direct Ocean Capture (DOC) Captura avevano annunciato una partnership per sviluppare soluzioni su scala industriale per rimuovere l’anidride carbonica dall’oceano.

Nei giorni scorsi l’italiana Ecospray, specializzata in soluzioni integrate per la decarbonizzazione, ha annunciato che parteciperà come fornitore di tecnologie al progetto di Equinor, che prevede di partire da un impianto pilota iniziale da 1.000 tonnellate all’anno in Norvegia.

Come funziona la tecnologia CCS

L’impianto pilota iniziale sarà situato presso l’impianto di trattamento del gas naturale di Equinor a Kårstø, sulla costa occidentale della Norvegia. La fattibilità e la progettazione del progetto pilota Captura sono già iniziate, con installazione prevista nell’autunno del 2024.

Il progetto pilota sarà costruito a terra, aspirando acqua di mare e rimuovendo da essa un flusso misurabile di CO2. La CO2 catturata è prevista per la messa in servizio degli impianti Northern Lights, la prima infrastruttura di trasporto e stoccaggio di CO2 open source al mondo.

Il sito di Kårstø. Fonte: Ole Jørgen Bratland © Equinor

Una volta catturata, rimossa l’acqua, l’anidride carbonica verrà liquefatta e purificata utilizzando la tecnologia Ecospray. La liquefazione della CO2 si basa sulla rimozione dell’acqua, il raffreddamento e la successiva distillazione dell’anidride carbonica ottimizzando i consumi energetici e la concentrazione per ottenere l’elevato livello di purezza richiesto.

Gli oceani assorbono circa il 30% delle emissioni globali di CO2, svolgendo quindi una preziosa azione “tampone” che limita il surriscaldamento globale. Allo stesso tempo, l’aumento costante della CO2 prodotta dalle attività antropiche e il conseguente maggiore assorbimento da parte degli oceani stanno acidificando le acque e interferendo con gli ecosistemi.

Leonardo Parigi

Osservatorio Artico © Tutti i diritti riservati

Leonardo Parigi

Sono Laureato in Scienze Politiche Internazionali all’Università di Genova e di Pavia. Sono giornalista pubblicista, e collaboro con testate nazionali sui temi di logistica, trasporti, portualità e politica internazionale.

Articoli Recenti

Red Flag 2024, anche l’Italia all’esercitazione nei cieli d’Alaska

I caccia italiani sono atterrati a sud di Seattle. Nelle prossime due settimane prenderanno parte…

18 ore fa

Dai Variaghi a Putin. La Russia moscovita

Ivan III il Grande: dal mito dell’unificazione delle terre russe alle prime incursioni in Siberia.…

2 giorni fa

I problemi logistici delle ferrovie scandinave

La linea ferroviaria che collega Luleå, in Svezia, a Narvik, in Norvegia, è piagata da…

3 giorni fa

Un nuovo satellite per l’Artico

Il nuovo satellite meteorologico artico dell'ESA è stato mostrato al pubblico presso l’azienda produttrice OHB…

4 giorni fa

La Svezia punta la leadership delle navi elettriche a impatto zero

Aliscafi e traghetti elettrici che volano sull'acqua, risparmiando quasi il 98% di emissioni nel life-cycle.…

5 giorni fa

Storia di Jan Mayen, l’isola in mezzo al nulla

Situata nel Mar Glaciale Artico tra la Groenlandia e la Norvegia, l'isola di Jan Mayen…

1 settimana fa